sabato 22 febbraio 2020

Nola ospita Leonforte, componente CAN5

“Chi fa l’arbitro ha l’abitudine di limitare il proprio ruolo al rettangolo di gioco: in realtà chi è arbitro lo è in tutti i contesti della sua vita. L’umiltà è la più grande qualità di un arbitro”. Con questa frase ad effetto che ha toccato l’aspetto comportamentale, venerdì 21 febbraio il Presidente della Sezione di Nola Severino Vitale ha aperto la riunione tecnica che ha visto la gradita presenza del Componente della Commissione Arbitri Nazionale di Calcio a 5 Gianantonio Leonforte, sorteggiato dall’AIA centrale nell’ambito delle visite tecnico-didattiche alle Sezioni.
Giunto nella terra di Giordano Bruno, Leonforte, associato della Sezione di Vicenza, è stato introdotto dal Presidente Vitale non solo agli arbitri nolani, ma anche ai colleghi del futsal regionali e nazionali appartenenti ad altre sezioni ed accorsi per ascoltare le parole dell’ospite vicentino.
Fra gli ospiti presenti vi erano i Componenti del Comitato Regionale Arbitri della Campania Giovanni Marolo ed Antonio Gallo, il Vice Responsabile CAN5 Vincenzo Francese, il Componente del Settore Tecnico Marcello Toscano, l'internazionale Nicola Maria Manzione ed il Presidente della sezione di Sala Consilina Gianpiero Cafaro. 
"Il Calcio a 5 è complesso ed in continua crescita. E’ una scelta che va perseguita con estrema passione. E’ parte dell'AIA e voi arbitri siete parte integrante di questo movimento con gli stessi meriti riconosciuti ai colleghi associati di questa grande famiglia” così il Presidente Vitale salutava e lasciava la parola a Leonforte.
L’ospite vicentino, ha subito presentato ai giovani associati il mondo del Calcio a 5 guidato dal Responsabile Angelo Montesardi della Sezione di Brindisi: lezione incentrata su una serie di video provenienti dalle massime categorie nazionali tramite i quali il relatore ha spiegato come sia necessaria una preparazione incentrata sulla velocità e sulla resistenza allo scatto perché le azioni sono repentine da una metà campo all’altra; è indispensabile l’intuizione, la tempestività e una costante soglia di attenzione per le diverse situazioni (falli cumulativi, riprese di gioco, condotta gravemente sleale) che possono avvenire e che sono dovute alle ridotte dimensioni del terreno di gioco, e infine ha sottolineato quanto sia fondamentale l’interazione che deve esistere tra i due arbitri in modo da essere il più uniformi possibili.
Grazie alla sua ottima dialettica e simpatia, Leonforte è riuscito a catturare l’attenzione della folta platea nonostante la maggior parte dei presenti non conoscesse minimamente la disciplina trattata.
“In campo divertitevi ma date sempre il massimo senza lasciare nulla al caso. Prestate massima attenzione e serietà in ciò che fate, perché, nel momento in cui vi sentite scarichi, ecco che la partita è sfuggita dal vostro controllo. Capite, dunque, quali sono i vostri punti di forza e di debolezza e lavorate su di essi. Miglioratevi per superare i vostri limiti e per garantire performance sempre di alto profilo”.
La piacevole e interessante riunione si è conclusa con i ringraziamenti e gli omaggi all'ospite da parte del Presidente Severino Vitale il quale ha ringraziato il Componente CAN5 per esser stato capace di coinvolgere la platea rappresentando al meglio l’affascinante ed interessante mondo del Futsal.