lunedì 5 ottobre 2015

Raduno OTS: al via la stagione dei giovani nolani

Comincia davvero per tutti la nuova stagione sportiva 2015/2016: sabato 3 ottobre 2015 è andato di scena il raduno O.T.S., che ha visto impegnati circa 60 ragazzi, negli ormai famigerati test atletici e tecnici. Palcoscenico della giornata sono stati prima il campo "Sporting" di Nola e successivamente l'Hotel dei Platani, che hanno sancito l'inizio delle speranze di tanti giovani fischietti e, non ultime, quelle di una sezione impegnata a lavorare duramente per vedere i propri ragazzi crescere e gioire per nuovi traguardi.
Alla presenza dello staff sezionale, composto dagli associati Gianpiero Miele, Michele De Capua, Roberto Carbone, Giovanni Miele, Vittorio Di Gioia, Carmine Latorella, Giuseppe Chioccola, Daniele Pierno ed Emilio Romano, i ragazzi chiamati a partecipare al raduno hanno sostenuto i già collaudati Yoyo Test e Ariet Test, preceduti dai 40m e dai 30m. Risultati buoni, ma che in prospettiva andranno migliorati,  per cercare di portare tutti gli associati ad un livello atletico soddisfacente e quanto più uniforme. Prima dei test, spazio alle visite mediche tenute dall'associato Daniele Pierno (biologo specializzato in scienza dell'alimentazione), basate sulla misurazione di peso e altezza, frequenza cardiaca a riposo ed infine test visus per il controllo della vista. Terminati i test, spazio alla lezione sul campo del Presidente, Severino Vitale, che ha fissato alcuni paletti come le posizioni "da fermo" da tenere sul terreno di gioco, o alcune "furbizie" del mestiere per evitare problemi durante le gare, fino ai consigli sullo spostamento sull'intero terreno di gioco. Dato sfogo a tutte le curiosità degli associati, l'intera truppa si è trasferita presso l'hotel, accompagnata anche dal componente C.R.A. Ciro Pegno, che ha voluto salutare i ragazzi con poche ma sentite parole: "Tutti voi avete frequentato il corso volutamente, senza che nessuno vi abbia forzato a farlo. E proprio per questo siete chiamati a seguire dei comportamenti a cui voi avete scelto di allinearvi. In questa sezione - ha poi proseguito Pegno - la cultura del lavoro e la disponibilità dei vari collaboratori sezionali, con il Presidente Vitale in testa, dovrebbero spingervi ad un impegno sempre maggiore. Perciò. sfruttate questa opportunità e fate tesoro dell'impegno che ci mettono per darvi quanto di meglio l'A.I.A. ha da offrirvi". Prima del pranzo, spazio ai quiz tecnici, sia per il calcio A11 che per il calcio A5, con risultati, anche qui, buoni, ma sicuramente ancora migliorabili. Poi, è venuto il momento del pranzo e della parte conviviale della giornata, con i ragazzi a scambiarsi opinioni, curiosità, accompagnate dal buon cibo offerto loro dalla sezione. Nel pomeriggio, ritmi serrati, con il vicepresidente Giovanni Sasso a chiarire alcuni aspetti della compilazione del referto di gara, con l'associato Vittorio Di Gioia ed il componente C.R.A. Ciro Pegno a spiegare il contenuto della circolare n.1, ed infine il Presidente Severino Vitale, ad insistere su alcuni aspetti comportamentali e tecnici, da tenere ben presenti durante la stagione: "Innanzitutto, ribadisco che i comportamenti fanno la differenza. Commenti sui social network, modo di vestirsi all'arrivo al campo, approccio ai dirigenti prima, durante e dopo le gare, compilazione del referto. Tutto questo deve essere svolto con la massima precisione. In campo sbagliamo e continueremo a farlo, ma in situazioni in cui abbiamo tutto sotto controllo, non si ammettono leggerezze. Per quanto riguarda il campo - ha poi continuato il Presidente - non ci interessa uno spostamento preciso, ci interessa che siate vicini e che cerchiate di capire dove si svolge il gioco. Attenzione poi alle persone non ammesse nel recinto di gioco, che possono provocare solo problemi. Infine, la conoscenza del regolamento risulta fondamentale, perché le persone che incontriamo sui terreni di gioco conoscono il calcio molto più di noi, e non dobbiamo quindi essere da meno, avendo la capacità di ben figurare anche con persone più adulte e sicuramente più esperte". In conclusione un augurio: "Auguriamo a tutti voi di raggiungere i vostri traguardi, che poi corrispondono ai progetti che noi abbiamo previsto per ognuno di voi. Di vostro metteteci passione, serietà ed umiltà. Noi ci impegniamo ad accompagnarvi sempre, nelle difficoltà e nei momenti difficili. Vi assicuro che in campo tutti vi rispetteranno e che nessuno si permetterà di ledere la vostra figura. Per farlo al meglio, però, assicurateci il vostro massimo impegno". Il "rompete le righe" finale, dal sapore di "primo giorno di scuola", ha sicuramente lasciato a tutti i ragazzi una convinzione: quella di avere una sezione che crede in loro, e la sicurezza di avere alle spalle un vero e proprio contenitore ricco di rinnovate opportunità.