venerdì 24 maggio 2013

Nola vola in finale!

Entusiasmante serata per gli uomini di mister Russo che, in quel di Salerno, espugnano il fortino avversario e volano dritti dritti in finale, dove affronteranno i temibili stabiesi che, nell'altra semifinale, hanno eliminato la super favorita sezione di Napoli. Ma andiamo alla cronaca. Il tabellino parla di uno 0-2 micidiale, frutto di un'organizzazione tattica impeccabile e di un pressing a tutto campo, dove tutti hanno corso per l'intera durata della gara e nessuno ha risparmiato nemmeno un po' dell'ossigeno in corpo. Nonostante la prova maiuscola dei nolani, però, primi 10 minuti da brivido, con un taglio pericolosissimo degli avanti avversari che, al 8' minuto, trovano impreparata la retroguardia gigliata e, a tu per tu con l'estremo difensore Di Gioia, trovano le manone di quest'ultimo a deviare la palla sul palo. Passato lo spavento, la partita si è assestata su un sostanziale equilibrio, con i giallo-rossi salernitani sterili in avanti e con i nolani decisi a difendere il risultato dell'andata. Solo alla fine della prima frazione, infatti, la prima vera palla goal, totalmente divorata da Coccia che, involato verso la porta avversaria, calcia incredibilmente fuori un pallone, praticamente, solo da depositare nel sacco. Durante l'intervallo, solita adunanza davanti la panchina, con mister Russo a incoraggiare i suoi, per la tenuta con cui la squadra ha fronteggiato gli avversari per i primi 45'. La ripresa di apre con la formazione di Nola molto più convinta, probabilmente spronata da un calo fisico degli avversari. Infatti, dopo appena 10' del secondo tempo, Coccia, approfittando di una dormita difensiva avversaria, colpisce ancora, rivelandosi decisivo, oltre che per la sua tecnica, anche per la capacità realizzativa. Siglata la rete del vantaggio, i nolani gestiscono con sicurezza il pallone, limitando al massimo le scorribande avversarie, che si limitano ad un paio di cross e qualche tiro da fuori, uno dei quali spizzica l'incrocio dei pali, con la benedizione dell'estremo Di Gioia.Iniziata la girandola delle sostituzioni, la gara si dirige verso l'epilogo, ma c'è ancora tempo per una magia dell'eterno Buonocore che, presa palla dal limite, scaglia una parabola celestiale all'incrocio, li dove il portiere non può proprio arrivare. Un 2-0 assolutamente meritato per gli uomini del presidente Vitale che, adesso, si preparano per la finale di Ercolano, dove la cenerentola Castellammare promette battaglia.